Eclissi dell'antichità - Fonti antiche
Il calendario giuliano
[Plinio il vecchio] - [C.Plinius Secundus]

In questo passo delle Storie Naturali, Plinio accenna alla genesi del calendario Giuliano e alla successiva correzione dell'errore che i sacerdoti avevano commesso intercalando un anno bisestile ogni tre anziché ogni quattro.

Plinio il Vecchio: Nat.His. Lib.XVIII
LatinoItaliano

211 - Tres autem fuere sectae(*), Chaldaea, Aegyptia, Graeca. his addidit quartam apud nos Caesar dictator annos ad solis cursum redigens singulos Sosigene perito scientiae eius adhibito; et ea ipsa ratio postea conperto errore correcta est ita, ut duodecim annis continuis non intercalaretur, quia coeperat ad sidera annus morari, qui prius antecedebat.

211 - Vi erano però tre divisioni(*), la Caldea, l'Egizia, la Greca. A queste ne aggiunse una quarta tra di noi Cesare dittatore, che regolò i singoli anni sul corso del Sole avvalendosi di Sosigene che era specializzato in questa scienza; e quella stessa regola fu in seguito corretta avendovi scoperto un errore, sospendendo l'intercalazione per dodici anni di fila, poichè l'anno stava cominciando a ritardare rispetto alle stelle, che prima precedeva.


Bibliografia
Lacus Curtius: Nat.Historiae di Plinio il vecchio - Liber XVIII (C.Plinius Secundus)
Il latino sectae, plurale di secta participio passato del verbo seco= sego, divido, letteralmente vuol dire divise; qui verosimilmente è da intendere come divisioni dell'anno in mesi, in sostanza calendari. X